Fermenti lattici, vediamoci chiaro: a tu per tu con la Farmacista

I fermenti lattici sono molto importanti per la salute del nostro organismo, eppure spesso vengono sottovalutati. Per questo motivo, si deve cercare di fare chiarezza, andando innanzitutto a capire cosa sono i fermenti lattici e in quali occasioni vanno presi.

La prima cosa che si deve sottolineare è che spesso, quando si parla di fermenti lattici, si utilizza anche il termine probiotici. Si tratta, quindi, della medesima cosa ed è utile andare a capirne le potenzialità e i benefici che vengono apportati.

I fermenti lattici sono decisivi per la salute dell’apparato gastro-intestinale e per mantenere intatta la flora batterica dell’intestino. Proprio per questo motivo è fondamentale conoscerli da vicino e capire quali acquistare. Non esiste, infatti, solo una tipologia di probiotici. Come riportato nell’articolo del blog Salutarmente, ce ne sono differenti e ciascun tipo è utile a seconda degli specifici casi.

Per capire quando assumere una specifica tipologia e quando un’altra, ma anche per scoprire i benefici di questi fermenti lattici e tutto quello che si deve sapere in merito, abbiamo posto delle domande alla dottoressa Carrano, a capo di Salutarmente, per avere ben chiaro il punto di vista di una farmacista in relazione all’argomento.

Dottoressa può spiegarci cosa sono i fermenti lattici e perché è importante assumerli?

I fermenti lattici altro non sono che dei batteri che, però, invece che farci male sono innocui per il nostro organismo e, anzi, vanno a dare un valido aiuto alla flora batterica. Come è noto, nel nostro intestino vivono già dei batteri. Quando tra questi c’è un sostanziale equilibrio non si notano grossi scompensi e problemi. Ma quando arriva qualcosa che turba l’equilibrio in questione, allora è il momento di agire dall’esterno e lo si può fare proprio con i probiotici. Come suggerisce il nome stesso, il loro obiettivo è quello di favorire la sopravvivenza della flora batterica intestinale, che verrà quindi riportata in una condizione di equilibrio.

Quali sono le cause che rompono l’equilibrio intestinale e ne danneggiano la flora?

La flora batterica presente nel nostro organismo può essere messa a dura prova da diversi fattori. Si parte dallo stress, ma anche l’assunzione di determinati farmaci, abitudini alimentari sbagliate, patologie in atto possono andare a rompere l’equilibrio di cui sopra. Come detto, in questi casi è importante fare qualcosa e ricorrere ai fermenti lattici.

In quali casi è preferibile ricorrere ai fermenti lattici?

Ogni volta che se ne presenta l’esigenza. Nello specifico, si dovrebbero assumere se si segue una terapia antibiotica, se si hanno problemi intestinali, come stitichezza o diarrea, se si soffre della sindrome del colon irritabile e se si ha il morbo di Crohn. Inoltre, sono utili per prevenire possibili infezioni alle vie urinarie.

I fermenti sono tutti uguali o vanno scelti in base alle esigenze?

Esistono vari ceppi di fermenti lattici e questi vanno scelti in base alle proprie esigenze. Ad esempio, il Lactobacillus Casei viene consigliato a chi ha problemi gastro-intestinali, diarrea, stitichezza o se si è in sotto cura antibiotica. Il Lactobacillus Acidophilus, invece, serve per tenere sotto controllo il colesterolo ed è, quindi, molto importante. Questo ceppo serve anche per prevenire candida, cistite e altre infezioni alle vie urinarie. Esistono poi altri ceppi e, nello specifico, il Bifidobacterium Bifidum e il Lactobacillus Bulgricus che ha funzioni antibiotiche.

Dove si acquistano i fermenti lattici?

Si possono acquistare in farmacia, così da avere anche il supporto di un esperto nella scelta del ceppo migliore per le proprie esigenze. Parlare con il farmacista è sempre importante al fine di trovare la soluzione ai propri problemi.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 48254 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!