Carinaro. Servizio Civile, Masi al Commissario Prefettizio: “Vigili su selezione giovani”

Ieri si sono tenuti i colloqui per il servizio civile promosso dal comune di Carinaro. Nelle scorse settimane abbiamo scritto al Commissario affinché vigilasse sulla selezione che vogliamo trasparente e rigorosa.  Speriamo che alla pubblicazione della graduatoria non segua il chiacchiericcio dell’ultima volta, ove si è anche detto che qualcuno aveva indovinato il nome di tutti gli ammessi“. E’ uno dei passaggi del manifesto pubblicato da Stefano Masi, componente dell’associazione Terra Nostra Carinaro indirizzato al Commissario Prefettizio Luigi Palmieri.

In occasione del nostro incontro avvenuto alla vigilia della pausa estiva, Le chiedemmo, tra l’altro, di valutare la possibilità di non rinnovare gli organi fiduciari alle persone che erano state nominate dal dimissionato Sindaco, al fine di assicurare una effettiva “discontinuità” rispetto alla gestione passata; di “congelare” il concorso bandito dalla passata Amministrazione per la copertura del posto di funzionario di cat. “D” per l’Ufficio Tecnico, atteso il numero adeguato di funzionari già in servizio in quell’Ufficio e viste le diverse e più urgenti necessità esistenti nella pianta organica del Comune. Nell’assicurarci che avrebbe valutato le nostre richieste, Lei ci fece promessa che avrebbe comunque improntato la Sua attività ai criteri di una rigorosa legittimità. A distanza di qualche mese da quell’incontro, siamo costretti a registrare che nessuna di quelle nostre richieste è stata accolta e che anche nei confronti di alcuni atti da Lei adottati nutriamo, a nostro sommesso avviso, qualche dubbio, almeno sui profili della loro opportunità. A scanso di equivoci, diciamo subito che rispetto a questi atti, siamo certi che Lei sia in perfetta buona fede e che sconti il prezzo di una fiducia mal riposta nei confronti dei funzionari che Le propongono gli atti da adottare. Ma, comunque, di tutto ciò ce ne rammarichiamo! Infine, non vogliamo lasciarci sfuggire l’occasione per rappresentarLe la necessità di vigilare con grande attenzione e rigore sulle procedure di selezione dei giovani da avviare al servizio civile. E – questo – un campo delicato nel quale pur se la competenza della scelta è riservata alla società che gestisce progetto e selezione, le responsabilità finali, per generale convinzione, finiscono col ricadere su chi governa la Città. Questo lo diciamo anche alle luce delle recenti gravi accuse, pubblicamente pronunciate da alcuni consiglieri dimessi, ma facenti parte della ex maggioranza, riguardanti i metodi di scelta dei giovani da utilizzare nel progetto dello scorso anno. Le chiediamo, Sig. Commissario, perciò di vigilare affinché siano scelti giovani con i migliori curricula e requisiti, in possesso delle migliori tensioni motivazionali e, a parità del merito e se possibile, quelli appartenenti a nuclei familiari più disagiati. Il paese è piccolo ed è luogo in cui ci conosciamo tutti. Si farà presto a capire se dietro a certe scelte si nascondono vecchie sponsorizzazioni di natura politico-clientelare, fatte veicolare attraverso la “solita” regia. Siamo fiduciosi che Lei non lo consentirà“.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 51575 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!