Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Gragnano. UpG: “Zero idee per riqualificazione ex carcere via Petrelloni”

La notizia dell’incursione priva di autorizzazione di quattro minorenni presso i sotterranei dell’ex penitenziario di via Petrelloni accende i riflettori sulla situazione critica della struttura e sull’assenza di una programmazione concreta di riqualificazione dell’area. I quattro ragazzi hanno documentato illegalmente lo stato di abbandono ed incuria in cui versa l’ex casa circondariale, la cui gestione, a conclusione di un lungo iter burocratico iniziato nei primi anni Duemila, è passata dal Demanio Statale al patrimonio comunale. L’acquisizione della struttura avrebbe sicuramente rappresentato un fattore positivo di crescita e di rilancio per la città, considerata la volontà di trasformare la struttura in un polo enogastronomico volto a favorire ed incentivare lo sviluppo delle imprese locali e dei nostri prodotti tipici“. Lo dichiara il gruppo di opposizione Uniti per Gragnano costituito dai consiglieri Patrizio Mascolo, Silvana Somma, Anna Delle Donne, Giovanni Sorrentino, Antonio De Angelis e Salvatore Castrignano.

All’unanimità si votò la deliberazione comunale per dare mandato al Responsabile del Settore Urbanistica e Tutela Paesaggistica di attivare una procedura di evidenza pubblica mediante pubblicazione di un bando, finalizzata ad acquisire “Manifestazioni di interesse” per l’utilizzo quale sede di attività produttive, di parte della struttura di proprietà comunale sita in via Petrelloni. Purtroppo la manifestazione di interesse è andata deserta e a distanza di un anno e mezzo all’orizzonte non si vedono progetti o quantomeno idee per riqualificare l’area e realizzare gli obiettivi prefissati. La manifestazione di interesse andata deserta non rappresenta un unicum, in quanto in questi due anni in più occasioni abbiamo assistito a bandi deserti per colpa di offerte poco allettanti per i privati, come ad esempio per quanto riguarda la gestione del chiostro di Piazza Aldo Moro, il cui bando è andato deserto per ben tre volte. Come abbiamo più volte affermato, sia in aula consiliare e sia nelle nostre dichiarazioni sui quotidiani locali, comprendiamo perfettamente il disagio di tanti privati che provano eccessiva diffidenza nel partecipare ai bandi pubblici per la gestione di strutture comunali“.

Spesso ai privati si chiede uno sforzo economico ingente per riqualificare una struttura fatiscente lasciata nel più totale abbandono e degrado. La domanda per i privati spesso è anti-economica e poco allettante e li disincentiva a mettersi in gioco per l’aggiudicazione del bando pubblico. A tal proposito, crediamo sia doveroso da parte delle istituzioni comunali evitare bandi deserti e zero aggiudicazioni, incentivando i privati a partecipare rendendo più adeguata e reciprocamente vantaggiosa la gara. Ritornando al tema del carcere di via Petrelloni chiediamo all’Amministrazione Comunale ed all’assessore competente in materia se esiste all’orizzonte un progetto reale e fattibile di riqualificazione dell’area oppure se sarà un’altra occasione persa per la città. Se vi è la volontà reale dell’Amministrazione di realizzare qualcosa di concreto e fattibile, siamo pronti a sederci ad un tavolo e valutare un ventaglio di soluzioni plausibili in grado di riqualificare realmente la struttura e porre fine a questo stallo durato troppi anni“.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 42687 posts and counting.See all posts by admin

Translate »