Dl Dignità, D’Uva contro il M5S: “E’ sostanzialmente una trovata propagandistica”

Il Movimento 5 Stelle, come ampiamente previsto, da quando è andato al governo sta irrefutabilmente proseguendo le politiche  inconcludenti ultra – liberiste di chi lo ha preceduto. ne è una dimostrazione il cd. D. L. Dignità, varato dal CDM su proposta del ministro del lavoro, Luigi Di Maio. Nel decreto, infatti, sono totalmente disattese le premesse di cambiamento, si in tema fiscale sia, soprattutto, in materia di lavoro: lo spesometro ed il redditometro restano sostanzialmente invariati; quanto al contrasto alla disoccupazione, l’unico provvedimento adottato ritocca la durata massima dei contratti a termine, portandola da 36 a 24 mesi.

Per queste ragioni, Giustino D’Uva, dirigente nazionale SINLAI, è intervenuto contro il decreto del ministro del lavoro: “Diversamente da quanto detto da più parti, il D.L. Dignità non avrà la conseguenza di far aumentare la disoccupazione; invero, non avrà alcuna conseguenza concreta, poichè trattasi di una mera trovata propagandistica, uno specchietto per le allodole, non già una riforma del lavoro. nonostante le premesse rivoluzionarie – continua D’Uva – il M5S, come avevamo annunciato, continua, sulla falsariga dei suoi predecessori, le politiche ultraliberiste che hanno distrutto l’economia nazionale e consentito alle Multinazionali di dettare le regole del mercato e di precarizzare il lavoro ad libitum. se si vuole davvero arginare il precariato, lo stato deve riprendere ad ingerirsi nell’economia e ad imporsi per far coincidere domanda ed offerta di lavoro. diversamente, il modello liberista continuerà ad affossare l’Italia e a sprofondarla nella povertà”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 51795 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!