(VIDEO) San Marcellino. Maltrattamenti delle suore ai bambini: stanza al buio e capelli strappati

L’incubo della stanza buia riservata a quei piccoli che non finivano in tempo il pranzo e quando un boccone cadeva per terra le suore obbligavano a raccoglierlo e a mangiarlo. E’ uno dei particolari che emerge dalle indagini dei carabinieri di Aversa diretti dal tenente colonnello Antonio Forte e coordinata dalla Procura di Napoli Nord.

Un quadro investigativo e raccapricciante. Non singoli episodi ma un vero e proprio sistema quello adottato dalle suore di una scuola per l’infanzia paritaria ‘Santa Teresa del Bambino Gesù’ di San Marcellino, nel Casertano. Un metodo che sarebbe stato tollerato anche dalla direttrice, per questo il gip del tribunale di Napoli Nord ha sospeso per un anno dall’insediamento le 4 religiose: suor Josi Sapi e suor Loyola Dionel, indonesiane, e suor Genovina Barete e la madre superiora, Anna Porrari che dovranno rispondere di maltrattamenti aggravati sui minori. Per la madre superiora si aggiunge anche una denuncia anche per ostacolo alla giustizia, avrebbe tentato di comprare il silenzio di una mamma offrendole del denaro: proposta ovviamente rifiutata.

A dare l’allarme la denuncia delle mamme alla locale stazione dei Carabinieri. Una mamma si era accorta che la piccola aveva un livido vistoso sul volto e sulle gambe. Alla sua richiesta di spiegazioni, una suora minimizzava dicendo che la piccola si era fatta male giocando con i compagni mentre un altro genitore aveva notato, pettinando la bimba, che perdeva ciocche di capelli come se fossero stati strappati. Il tutto avvalorato dalle immagini delle microcamere installate dagli inquirenti nei locali scolastici. Filmati non diffusi alla stampa che per il momento restano tra gli atti della Procura.

Una cittadina, quella di San Marcellino che al momento dice ben poco. A telecamere e microfoni accesi, nessuno vuol parlare. Nessuno vuole commentare la notizia, in prima pagina sui giornali e come apertura dei tg.

Infine, secondo indiscrezioni, la chiesa avrebbe avviato un indagine interna per capire al meglio i fatti contestati alle quattro religiose. Un altro scandalo che colpisce la Diocesi aversana, dopo il caso delle molestie di Don Michele Barone.


Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 45858 posts and counting.See all posts by admin

Translate »
error: Contenuto Protetto!