Vertenza FedEx/TNT, Sinlai chiede incontro con Mise e vertici aziendali

“La vertenza FedEx/TNT è ormai in una situazione di stallo vergognosa, e che tale situazione provoca soltanto preoccupazione ed ansia nei lavoratori e visto l’inutilità degli scioperi proclamati dai sindacati confederali, chiediamo a FedEx/TNT un incontro per capire le conseguenze sui lavoratori dell’operazione di acquisto di TNT da parte di FedEx e relative garanzie di lavoro e reddito per gli interessati dalla suddetta operazione che prevede la chiusura di 24 piattaforme italiane di FedEx su 34 con l’assorbimento negli attuali magazzini TNT”. E’ quanto scritto in una comunicazione inviata da Luigi Cortese, Dirigente Sindacale Sinlai, al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, al Ministero dello Sviluppo Economico e Fedex/Tnt.

“Chiediamo anche che vengano instituiti dei tavoli di confronto presso il Ministero dello Sviluppo Economico, visto che dagli incontri richiesti da Cgil Cisl e Uil (incontri ai quali la scrivente O.S. non è stata invitata) non hanno avuto alcuna soluzione della vertenza, soprattutto in virtù del fatto che la posizione dei sindacati confederali si è fermata sul rifiuto di accettare le riassunzioni del personale attualmente dipendente di FedEx da parte degli attuali fornitori presenti nei vari magazzini Tnt dove verranno inglobate le filiali di FedEx”.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 63503 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: