Sanità, lo SMI contro la chiusura notturna guardia medica

Durante il Congresso Nazionale Straordinario del Sindacato dei Medici Italiani a Tivoli (Roma), ha preso la parola anche la dott.ssa Serafina Strano, rappresentate siciliana dello Smi e simbolo nazionale della lotta contro le aggressioni ai medici.

Serafina Strano ha ancora una volta fatto un appello alla concretezza, “alla unità dei medici”, ma soprattutto ad “esigere” dalle istituzioni e dalla politica “riforma immediate e concrete della sanità pubblica”. Unità completa di vedute nel contestare la chiusura dei presidi di continuità assistenziale la notte, come proposto da alcuni sindacati, perché sarebbe il segnale “dell’impotenza e della sconfitta dello Stato, sarebbe come arrendersi”.

Mirella Triozzi, vice segretario generale Smi, ha ricordato appunto, “il grande contributo di Serafina Strano, vittima di una tragica violenza, che con la sua testimonianza, ha dato alla società una grande lezione di coraggio. Crediamo che il suo impegno, e la sua perseveranza, in tal senso nello Smi sarà fondamentale. Nella prevista riorganizzazione dello Smi – conclude Triozzi – sarà centrale anche la previsione di un Osservatorio permanente contro la violenza contro i medici che sia in stretto rapporto con le istituzioni, anche ordinistiche, e che ne sia allo stesso tempo elemento di stimolo e confronto”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 54901 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: