Parete. 14enne ferito da proiettile vagante, Pellegrino: “Lasciamo lavorare in serenità la Magistratura”

“In questi giorni abbiamo una grossa pressione mediatica sulla nostra città. Tutti vogliamo giustizia per Luigi e sono certo che si arriverà alla verità, ma evitiamo di improvvisarci in ricostruzioni dei fatti e in “condanne mediatiche” senza avere ancora ne indagati, ne rinviati a giudizio e tantomeno condannati”. E’ l’appello che fa Gino Pellegrino, sindaco di Parete, in merito al ferimento di Luigi P. colpito la sera della Vigilia di Natale da un proiettile vagante.

“Lasciamo lavorare in serenità i Carabinieri e la Magistratura che con tanto impegno e professionalità dal 24 dicembre stanno lavorando ininterrottamente sul caso. Chi sa parli e soprattutto rinnovo l’invito al responsabile a costituirsi, ma evitiamo di alimentare inciuci e accuse a persone senza nemmeno un processo. C’è modo e modo di ferire o uccidere una persona e la calunnia è sicuramente una di queste. Il nostro desiderio più grande è che Luigi possa avere una pronta guarigione e che sia fatta giustizia, ma solo le indagini e un regolare processo possono portarci alla verità. Sono andato più volte in ospedale a portare l’abbraccio della città alla famiglia e chiamo tutte le sere per aggiornarmi sulle condizioni del ragazzo. È il mio pensiero quotidiano. Luigi è ancora in condizioni difficili, ma sono ottimista, è forte e sta lottando da tanti giorni e sono certo che ne uscirà bene. La nostra comunità si trova ad affrontare una prova difficile, cerchiamo di affrontarla tutti assieme con dignità”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 54901 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: