Napoli. Minacciato Francesco Mangiacapra, l’escort dei preti

“Faccia bene attenzione che la sua popolarità rende facilmente rintracciabile lei e i suoi spostamenti come ha visto e come vedrà in futuro”. E’ uno dei passaggi della lettera minatoria giunta qualche mese a Francesco Mangiacapra definito l’escort dei preti. Solo ora l’autore ne ha resa pubblica la cosa. Il gigolò testimone chiave e principale accusatore anche nel processo contro Don Luca Morini (Don Euro), il sacerdote originario di Vecchiano, per anni sul pulpito a Massa-Carrara e in Lunigiana, finito al centro di una indagine tra soldi ed escort.


L’immagine che lei ha raccontato nel suo libro Spazzatura dissacra i valori della Chiesa Romana, dei Suo rappresentanti, nonché servitori di Dio e tutti i suoi simboli. I contenuti feccia del suo libro non meritano di essere diffusi: meritano solo la fiamme di un fuoco. Se Don Luca Morini ha sbagliato non è Lei il Giudice che deve condannarlo. Non è lei il moralizzatore. Non è lei a dover fare delle sue Cause una Crociata. Lei è davvero così sicuro di non essere destinato ad una Sorte più sventurata di quella che ha causato a Don Morini?

Faccia MOLTA ATTENZIONE a diffondere certi messaggi solo per mantenere la sceneggiatura che ha messo in piedi e stia bene attento che la sua popolarità rende facilmente rintracciabile Lei e i suoi spostamenti, come ha visto e come vedrà in futuro.

“Dio li ha abbandonato in balia di una intelligenza depravata… pieni di invidia, frodi, malignità, diffamatori, maleducati, nemici di Dio, oltraggiosi, superbi, sleali, senza cure, senza misericordia… gli autori di tali cose meritano la MORTE”. (lettera di San Paolo ai Romani – I: 26, 27, 28, 29, 30, 31, 32)

V.S.R.


Mangiacapra è anche autore del suo libro-verità “Il Numero Uno – Confessioni di un marchettaro”, memoriale in cui racconta di come abbia preferito vendere il corpo piuttosto che svendere il cervello, diventando amante di sacerdoti e politici.

Il gigolò si è visto recapitare a casa una lettera minatoria dove racconta i particolari dei suoi numerosissimi clienti, un panorama umano assolutamente inedito, raccontato con spietatezza e senza pudore. Clienti insospettabili e clienti sospettabili: preti, militari, politici, disabili. Francesco si mostra per quello che è e non chiede l’assoluzione di nessuno, la comprensione di nessuno, semplicemente perché non ne ha bisogno: lui è il Numero Uno.

Francesco era stato ad Aversa per presentare il suo libro, evento organizzato da LaRampa, proprio nella settimana in cui Don Crescenzo Abbate, il parroco di Succivo, è finito nel ciclone mediatico per in estorsione ai suoi danni messa in atto da due giovani per un “video hard”.


 

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 58925 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: