Lloret de Mar. Niccolò ucciso a calci e pugni in discoteca: già liberi due dei fermati

Sono stati già scarcerati due dei tre ceceni accusati per l’omicidio del 22enne Niccolò Ciatti, di Scandicci (Firenze), in una discoteca di Lloret de Mar, in Spagna. E’ quanto riporta l’edizione online de ‘LaNazione’.

Secondo quanto riferito dal quotidiano El Periodico, i tre – tanto che le autorità spagnole temano si possa trattare di tre paramilitari – sono comparsi davanti al giudice, che ha deciso di confermare la misura cautelare per uno solo dei tre, quello che ha sferrato il calcio mortale, come appare anche nelle drammatiche riprese registrate dalle telecamere di sorveglianza. Gli altri due potranno tornare in Francia, dove vivono come richiedenti asilo.

La cosa più dura da digerire e con cui fare i conti e che in quella notte maledetta, il 22enne non avrebbe nemmeno avuto voglia di uscire per andare a ballare. «Mi aveva scritto – ricorda Ilaria, la fidanzata del giovane  – che avrebbero fatto una serata tranquilla prima di ripartire per Firenze. Però quella sera pioveva: l’unico posto dove potevano restare all’asciutto erano l’albergo o la discoteca».

Cinque dei sette ragazzi con cui Niccolò era in vacanza, fra cui lui, optano per la seconda scelta. Il destino li attende al St.Trop’s Club di Lloret dove, a pochi minuti dall’ingresso si scatenerà la rissa brutale che ha messo fine alla vita del 22enne. A spezzarla per sempre, quel calcio assestato da uno dei tre aggressori ceceni di di 20, 24 e 26 fermati poi dai Mossos d’Esquadra, proprio mentre Niccolò era inerme a terra dopo essere stato raggiunto da una raffica di colpi al volto [clicca qui – continua a leggere].

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 48979 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!