Aversa. Testimonianza di una donna colpita da Benedetta

La mamma di una nostra lettrice ha voluto condividere la sua testimonianza e la sua condanna a situazioni di questo genere.
Lei è una cittadina moldava ma risiede in Italia da molti anni e qualche giorno fa camminando in Via Roma è stata colpita da Benedetta con la sua famosa stampella sul braccio. Le persone presenti invece di condannare il gesto si sono messe a ridere in quanto la signora Benedetta è pazza e ci si deve ridere su. È questa l’omertà e l’ignoranza che c’è in Italia. L’ultima di Benedetta ieri mattina in via Diaz (leggi qui).
Il modo migliore per continuare la proliferazione di fenomeni di questo genere è fare finta di niente. Un’altra cosa che non va bene: non è possibile che in Italia sia possa trovare gente con disturbi mentali gravosi per la società e non poter fare niente perchè sono stati chiusi i manicomi. Il TSO non va bene perchè non debella il problema, lo pospone.
Davide Simeone
Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 52744 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!