L’allarme zanzare continua: ecco le regioni più colpite

Siamo ormai giunti alla metà di settembre ma le temperature ancora elevate sembrano determinare un prolungamento dell’estate o, quantomeno, lasciano presagire un inizio di autunno decisamente mite.

In conseguenza del caldo, la nostra Penisola è stata interessata da precipitazioni di una certa entità e questo ha contribuito a mantenere in alcuni casi e a ricreare in altri, una condizione favorevole per lo sviluppo e la proliferazione della temuta zanzara.

La mappa dell’Italia relativa al mese di settembre, come sottolinea Vape Foundation, fotografa una situazione piuttosto chiara: il livello di zanzare nel paese continua ad essere alto!

Seppur in presenza di indici di infestazione leggermente in diminuzione rispetto alle scorse settimane, la maggior parte delle regioni italiane continua ad essere “rossa”, ovvero esposta ad un rischio alto in termini di presenza dei punzecchianti insetti.

In particolare, il mese di settembre vedrà alcune zone critiche, nelle quali le zanzare vedranno un nuovo sviluppo:

  • Veneto
  • Campania
  • Abruzzo
  • Lazio
  • Sicilia

 Secondo Claudio Venturelli, entomologo e membro del comitato scientifico di Vape Foundation, infatti, le popolazioni di zanzare in circolazione sono ancora elevate ma per via della stagionalità inizieranno gradatamente a scendere in termini numerici. Questo dipende in primis dalle temperature ma anche dal loro “orologio biologico” che prevede una crescita delle popolazioni fino alla seconda metà di agosto e una graduale discesa da settembre in poi. Per la zanzara tigre ciò dipende anche dal fatto che proprio in questo mese le “mamme zanzare” adottano una strategia di sopravvivenza che le induce a deporre uova di due tipologie diverse: una tipologia di uova che schiudono normalmente quando sono sommerse dall’acqua e da dove nasceranno zanzare anche in settembre e ottobre, l’altra tipologia è costituita da uova “diapausanti” ovvero che andranno in una sorta di letargo per proteggerle dai rigori invernali. Proprio per questa ragione il numero di zanzare tenderà naturalmente a diminuire. Il tutto è regolato da temperatura e ore luce/giorno.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 54942 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: