Casal di Principe. Minacce di morte a Di Meo: fece arrestare assassino Don Diana

Minacce ad Augusto Di Meo che vide in faccia e fece arrestare l’assassino di don Peppe Diana, il sacerdote ucciso dai Casalesi il 19 marzo del 1994. Di Meo, che nell’agguato si salvò solo perché si era abbassato per allacciarsi la scarpa, ha denunciato ai carabinieri di Casal di Principe di aver ricevuto una telefonata in cui l’interlocutore, dopo avergli rivolto in dialetto ingiurie, lo ha invitato a scendere in strada (“Scendi così ti taglio la testa”). Di Meo è anche uscito fuori casa ma non ha trovato nessuno. I carabinieri, che stanno provando a rintracciare il numero di telefono da cui è partita la comunicazione, non si sbilanciano sulla matrice della telefonata.

L’episodio è stato rivelato da Di Meo (da 22 anni attende di essere riconosciuto testimone di giustizia), al Comitato intitolato a don Diana che, nell’assemblea annuale, ha votato un documento di solidarietà. Vicinanza è stata espressa dal sindaco di Casal di Principe, Renato Natale, considerato un simbolo nella lotta alla camorra (leggi qui).

(ANSA)

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 49578 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!