Ballottaggio Napoli. Lettieri: “Per cambiare le cose bisogna andare a votare”

La vera protesta, l’unico modo per cambiare le cose, per avere un futuro migliore per i nostri figli è andare a votare. Ma alla luce di quanto avvenuto durante il voto del primo turno, sarebbe auspicabile un maggiore controllo presso i seggi, soprattutto quelli a rischio. Un controllo non fatto con ronde e squadrismi, ma fatto da chi di dovere, da chi di sicurezza si occupa per mestiere. Per garantire questo, mi sono rivolto al Ministro Alfano e al Prefetto di Napoli.” È quanto afferma Gianni Lettieri, imprenditore e candidato sindaco a Napoli, ai microfoni di Sky Tg24.
Quello che vorrei dare a Napoli per i prossimi cinque anni – prosegue Lettieri – è il Governo dei Migliori, ossia una giunta composta da persone altamente competenti per il ruolo che andranno a ricoprire. Con me sindaco i  napoletani risparmieranno 1000 euro all’anno di tasse. Entro 12 mesi da oggi il comune uscirà dal predissesto. Come? Pubblicheremo un bando di gara internazionale per affidare o a un fondo o una società esperta la vendita di tutta la parte  immobialiare non strategica, escluse le case popolari ed Erp, che vale circa 1 miliardo e due. Dalla società che so aggiudica l’appalto mi farò anticipare il 30% e circa 300 milioni. La protesta non deve essere realizzata con l’astensionismo, ma prendendo la matita e andando a votare. Chiedo a tutti di non lasciare decidere a terzi il futuro della città, ma di scegliere il programma che meglio credono“.
Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 59045 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: