(VIDEO) Aversa. Frittella, cagnolona seviziata: ecco come sono andati i fatti

Tutti voi ricorderete l’amara e atroce storia di Frittella, una cagnolona di quartiere, abusata sessualmente da uno o più deviati mentali (leggi qui). In questi ultimi giorni si sono dette molte cose sbagliate, molte inesattezze e tante imperfezioni ma noi de “La Rampa” abbiamo voluto vederci tantino più chiaro “parlare scripta manent e non verba volant” e soprattutto “iuxta alligata et probata” (giudicare secondo le prove).

CLICCA QUI – GUARDA IL VIDEO

In data 23 01 2016 verso le ore 9:00, la proprietaria di un bar, zona parco Coppola, avvisa la Polizia Locale segnalando la presenza di un cane in un’aiuola che perdeva sangue, probabilmente stava partorendo. I vigili Urbani mandavano subito un fax all’Asl Aversa – Ufficio Veterinario e subito dopo un veterinario si recava sul posto. Soccorso dal medico dell’Asl di Aversa, il referto recitava: “Cagna con perdite ematiche, rettali e vaginali da possibile atto di violenza“. Il cane, viste le condizioni, veniva mandato all’ospedale universitario Furlone di Napoli per ulteriori accertamenti. Giunto all’ospedale napoletano, il cane veniva visitato e il referto recitava: “Sfintere anale fortemente edematoso ed emorragico. Vasto edema perianale, lacerazione vulvare con edema intenso da forte trauma da penetrazione le lesioni sono presumibilmente riferibile a sevizie“.

Dunque, il primo dubbio che abbiamo voluto chiarire dato che c’erano state delle ambiguità nelle notizie riportate nel sottolineare la penetrazione fisica da parte di un uomo nei confronti della cagnolina. Il personale medico dell’Asl ha confermato che la penetrazione è avvenuta con uno con un bastone probabilmente irregolare: infatti nell’atto dell’estrazione dell’oggetto ha provocato un prolasso. L’Asl di Aversa ha subito notificato e trasmesso l’atto di violenza su animale ai Carabinieri che stanno indagando. Già due anni fa, un altro cane aveva subito tale violenza ma non aveva avuto nessun risalto mediatico in quanto ci fu una discrepanza di risultanze dei referti; mentre l’Asl di Aversa parlava di violenza sessuale, il Forlone dichiarava prolasso naturale.

Tornando a Frittella, si trova soccorsa ed ospite della signora Emma Gatto della Lega del Cane dove viene accudita con l’amore di tutti i volontari della struttura. Abbiamo chiesto alla sig.ra Gatto di mettere da parte l’orgoglio e di aprirsi all’aiuto della gente. Pertanto chiunque voglia aiutare Frittella può portare, presso la Lega del Cane alla Maddalena di Aversa, della carne macinata o del latte poiché non può mangiare crocchette o solidi. Ci auguriamo che il responsabile venga assicurato alla giustizia e che fatti del genere non accadano più.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 49150 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!