Afghanistan. Bombe Usa su ospedale, 20 morti: Pentagono: “Indagine insieme a Kabul”

Bombe americane colpiscono l’ospedale di Medici senza Frontiere (Msf) a Kunduz, in Afghanistan, città sotto il controllo dei talebani e da giorni teatro di scontri con le forze di sicurezza governative: almeno 20 morti il bilancio provvisorio, secondo quanto detto al Guardian online fonti di Msf. I feriti sono numerosi e il bilancio è destinato a salire.

Il bombardamento è proseguito per mezz’ora dalla segnalazione alle forze armate Usa e afgane, denuncia Msf su Twitter, aggiungendo che “tutte le parti in conflitto, incluse Kabul e Washington, conoscevano le coordinate delle nostre strutture già da mesi”.

Le forze americane, tramite il portavoce delle forze Usa in Afghanistan, colonnello Brian Tribus, hanno detto che l’operazione “potrebbe avere causato danni collaterali ad una struttura medica della città. Indaghiamo sull’incidente“, ha aggiunto. “Le forze Usa hanno condotto un raid aereo sulla città di Kunduz alle 2,15 locali, contro individui che minacciavano le forze”.

Mentre Kabul sostiene che nell’ospedale “si nascondevano 10-15 terroristi”, tutti “uccisi, ma fra le vittime ci sono stati anche dottori”. Circa 80 membri dello staff dell’ospedale, fra cui 15 stranieri, sono stati portati in salvo.

Pentagono, indagine completa insieme a Kabul – “Stiamo cercando di determinare cosa sia successo esattamente e voglio esprimere il mio cordoglio alle persone colpite“. Così, il segretario alla Difesa Usa, Ash Carter, dopo i raid aerei Usa che hanno colpito l’ospedale Msf a Kunduz, in Afghanistan, provocando almeno 20 morti. “Un’indagine completa sui tragici fatti è in corso in coordinamento con il governo afghano“, ha aggiunto.

(ANSA)
(Foto  Reuters)

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 54745 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: